Home » Servizi » Acidi urici

Acidi urici

Auto-analisi degli acidi urici

Auto-analisi degli acidi urici - FARMACIA SEMERIA

Questa auto-analisi determina la quantità di acido urico nel sangue.
L'urea è uno dei prodotti finale del metabolismo proteico; in caso di iperuricemia nel sangue l'acido urico può precipitare e accumularsi nelle articolazioni e nel tessuto connettivo provocando una patologia chiamata gotta.


In Farmacia l'auto-analisi degli acidi urici viene effettuato tramite un prelievo di una goccia di sangue dal polpastrello
che viene immessa in una provetta contenente dei reagenti specifici e poi analizzata con un analizzatore automatico. 


!!!In 5 minuti avrete i vostri risultati e non avrete fatto ore di coda!!!

Per maggiori informazioni sull'auto-analisi degli acidi urici cliccare qui

La patologia

La gotta è una malattia del metabolismo caratterizzata dalla presenza di elevata uricemia o iperuricemia, cioè di elevati livelli di acido urico nel sangue. Questa condizione comporta l’accumulo di acido urico in vari organi e tessuti dell’organismo. L’iperuricemia è un parametro di dismetabolismo che si aggiunge agli altri presenti della sindrome metabolica, come il profilo lipidico e la glicemia. Infatti, la gotta è frequente in soggetti che hanno la sindrome metabolica e con insufficienza renale cronica e colpisce soprattutto i soggetti maschi in età matura e avanzata.

I sintomi acuti principali sono a carico delle articolazioni. Infatti, la persistenza di alte concentrazioni di acido urico nel liquido sinoviale delle articolazioni stesse si manifesta con una crisi dolorosa acuta, caratterizzata da infiammazione anche molto intensa a livello di singole articolazioni, come ad esempio l’alluce, ma anche il ginocchio, la caviglia, il polso e la mano.
Nei soggetti anziani, il dolore può essere meno violento, rispetto a quello tipico della gotta acuta e può esserci l’interessamento di più articolazioni anziché di una sola.
In molti paesi, tra cui l’Italia, a causa della diffusione di una alimentazione ricca di grassi e proteine, il riscontro di uricemia elevata o iperuricemia (con valore maggiore di 7 mg/dl) è divenuto piuttosto frequente, con un aumento della prevalenza anche nelle donne, soprattutto con l’aumentare dell’età.

Consigli

Per prevenire l'insorgenza della gotta, è utileseguire una dieta appropriata, limitando l'apporto proteico ad un grammo di proteine al giorno per chilogrammo di peso corporeo e riducendo in modo drastico i grassi alimentari.

L’iperuricemia è spesso associata al consumo di alimenti con una elevata concentrazione di basi puriniche (precursori dell’acido urico) quali carni e pesci grassi, frattaglie, salumi, crostacei e birra che vanno quindi ridotti notevolmente in presenza di questa condizione patologica.
È anche consigliabile bere abbondantemente al fine di assicurare una buona eliminazione urinaria e limitare l’impiego di farmaci diuretici, se non strettamente necessari che, aumentando l'escrezione di acido urico, possono favorire la formazione di calcoli renali.